SdS » SdS si presenta » Cosa fa

L'SdS si presenta

Cos'è e cosa fa l'SdS

La Società della Salute dell’area pratese  è un consorzio pubblico costituito tra i Comuni di Prato, Poggio a Caiano, Montemurlo, Carmignano, Vaiano, Vernio e Cantagallo e l’Azienda USL Toscana Centro.

Si tratta di un nuovo modello organizzativo per il governo dei servizi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali del territorio, introdotto a partire dai primi anni 2000 all’interno della Regione Toscana al fine di garantire servizi più efficienti ed efficaci, alta qualità delle prestazioni, universalità e parità di accesso ai servizi, vicinanza e partecipazione del cittadino e del Terzo Settore.

Gli obiettivi e il funzionamento delle Società della Salute sono disciplinati dalla Legge regionale n. 40/2005 “Disciplina del servizio sanitario regionale” in cui viene specificato che le finalità dell’ente sono:

  1. consentire la piena integrazione delle attività sanitarie e socio- sanitarie con le attività assistenziali di competenza degli enti locali, evitando duplicazioni di funzioni tra gli enti associati;
  2. assicurare il governo dei servizi territoriali e le soluzioni organizzative adeguate per assicurare la presa in carico integrata del bisogno sanitario e sociale e la continuità del percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale;
  3. rendere la programmazione delle attività territoriali coerente con i bisogni di salute della popolazione;
  4. promuovere l’innovazione organizzativa, tecnica e gestionale nel settore dei servizi territoriali di zona- distretto;
  5. sviluppare l’attività e il controllo sia sui determinanti di salute che sul contrasto delle disuguaglianze, anche attraverso la promozione delle attività di prevenzione, lo sviluppo della sanità di iniziativa, il potenziamento del ruolo della medicina generale e delle cure primarie.

La Società della Salute rappresenta la costruzione di un soggetto unitario, in grado di assumersi la responsabilità complessiva dell’offerta sanitaria e sociale, orientata verso i bisogni di salute e di benessere individuali e collettivi, organizzata secondo dei percorsi assistenziali integrati, che costituiscono l’effettiva condizione di esigibilità dei diritti di cittadinanza.

Le amministrazioni locali, i Comuni, assumono un ruolo decisivo riguardo alle scelte da fare insieme alla Regione in tema di salute, partendo dal principio che l’integrazione delle politiche e dei servizi può avvenire solo su una base territoriale e con il coinvolgimento diretto di tutti i soggetti organizzati, che hanno la capacità di incidere positivamente sulla salute, siano essi pubblici che privati.

Il fine istituzionale della Società della Salute è rappresentato non solo dall’offerta delle prestazioni nelle materie della sanità e dell’assistenza sociale, ma dal conseguimento della salute e del benessere sociale, attraverso la partecipazione dei cittadini alle scelte, anche tramite le loro rappresentanze istituzionali e associative; dalla sperimentazione di nuovi modelli di programmazione e di governo a livello di Zona che interessano contemporaneamente le materie della sanità territoriale, del sociosanitario, del socio-assistenziale e di connetterle a quelle riferite al benessere.

La Società della Salute è istituita in forma di consorzio pubblico in modo tale che quest’ultimo sia "terzo" rispetto ai comuni e all’azienda USL, per cercare di raccogliere la parte migliore delle esperienze fatte dall’una e dall’altra parte.

La premessa è che non sia più rinviabile la ricerca di una nuova forma di mutualità di tipo solidale e territoriale a condotta pubblica, che non sia centrata sulle idee di benessere e salute. Una visione che affonda le sue radici nel secolare patrimonio storico delle comunità toscane che ha reso tanto solida e civile la convivenza nei nostri territori.
La Società della Salute ha un’organizzazione semplice che si avvale dei servizi, delle infrastrutture e del personale della USL e dei Comuni consorziati.​

Società della salute della Toscana

Mettere insieme soggetti e competenze per avvicinare i servizi alle persone.
L'evoluzione dei servizi territoriali in Toscana in formato .pdf (1.81 MB) File con estensione pdf

Ultimo aggiornamento: 22-03-2021